giovedì 19 gennaio 2012

Dovremmo...



"In questa misera condizione
si dannano le anime tristi di coloro
che vissero senza lode e senza infamia.
Sono mischiate a quel cattivo
coro di angeli egoisti,
non ribelli a Dio ma neppur fedeli.
Del paradiso questi offuscherebbero la bellezza
e giù farebbero vantare i dannati
che penserebbero d'esser migliori di loro".

Inferno. Canto III

Dante Alighieri

Quando c'è chi non ha nulla che lo caratterizza, quando ci si addestra nel nulla e ci si atteggia in virtuosismi apparenti. Quando è più importante il lucido da scarpe che spalmi su ogni singola azione, quando ogni sera un niente corre su un'auto, grossa ma insignificante e rischia di andare fuori strada. Quando si ride dietro la propria gigioneria e ci si ammicca tra incontri inconcludenti, quando ci si sente importanti per gli inchini cazzuti e non per quello che si è, quando si dà il comando a chi gioca al suo lustro e disprezza l'impegno. Quando ci si chiede quanta figa c'è. Quando la tua integrità di uomo è data dalle bottiglie di birra che lasci nel prato, quando per sentire che esisti non sai far altro che spendere soldi e saltare nei fuochi artificiali. Quando si premia l'indolenza e manca la forza morale, quando succede tutto questo noi, che vediamo, dovremmo essere sconvolti. Dovremmo essere arrabbiati, dovremmo cercare la rivoluzione, non correre dietro i carrelli della spesa e dormire fra le lancette dell'orologio, non dare la guida e la responsabilità ad una mandria di ignavi, che abitano la terra e rifiutano il loro istinto umano. Quello che ci deve sconvolgere non è l'innata attrazione morbosa per la tragedia, ma l'incolore e insipida non-umanità di alcuni e dovremmo solo vomitare.

RISOTTO SEMPLICE AL RADICCHIO




per 3 persone:

270 gr di riso 
1 cipolla bianca
1 radicchio rosso di Chioggia
olio extravergine d'oliva
sale 
1 cucchiaino di miso
barolo o vino rosso

Pulire, tagliare sottilmente e lavare il radicchio rosso. Pulire e affettare la cipolla e rosolarla in un cucchiaio di olio extravergine e due di acqua. Quando  è diventata trasparente, unire il riso e tostarlo per un paio di minuti, mescolando con un cucchiaio di legno. Unire il radicchio e bagnare con mezzo bicchiere di vino rosso e fare evaporare. Nel frattempo scaldare circa 500 cl di acqua con un cucchiaino di sale. Portare a cottura il risotto, unendo piano piano l'acqua salata, come si fa normalmente con il brodo. Una volta cotto, spegnere e mantecare con un cucchiaino di miso, mescolando fino a quando è totalmente sciolto. Volendo distribuire una granella di noci.

Non so se questo è un uso delirante del miso, sicuramente è un uso gustoso. Il miso è un condimento vegetale ricco di enzimi e fermenti con importanti proprietà benefiche. E' possibile usarlo al posto del dado, magari abituandosi a poco a poco al suo sapore. Unica attenzione importante: il miso non va mai cotto o bollito, per questo è importante unire a cottura ultimata e farlo sciogliere. Qui altre info.

29 commenti:

  1. Cara Lo, capisco, approvo e condivido fino all'ultima parola questo tuo post.
    E infatti, anche io penso che: "dovremmo solo vomitare"!

    Fantastico il risotto, e da vegana, trovo ottimo invece l'uso del miso, grandissimo alleato nell'apporto di tutte quelle "cosine" che anche tu menzioni, tanto utili all'organismo.

    Grazie sempre dolce Lo!
    Un abbraccio forte.
    Namastè

    RispondiElimina
  2. Questo lo copio/incollo e lo stampo e non si sa mai che lo appenda su qualche porta/portone :-(
    Un bacio Lo e continua ad usare il miso, anche in maniera delirante, magari lo facessereo anche altri, tralasciando gli ingredienti nocivi ed indigsti. Una serena giornata a te :-)

    RispondiElimina
  3. Condivido in pieno il tuo post.
    Semplice e buonissima la ricettina del tuo riso!
    Ciao Maria

    RispondiElimina
  4. le tue riflessioni scuotono sempre tanto dentro...le faccio anche mie!
    un abbraccio
    e grazie per tutto.

    RispondiElimina
  5. Sono riuscita a far piacere il miso al maritotigre :)
    Gran bel risotto cara.

    Hai ragione, dovremmo proprio vomitare !...

    RispondiElimina
  6. Come hai ragioen Lo e il senso di rifuto a tutto questo dentro di me è fortissssssimo!!
    Il risotto invece è dleizioso edelicato una carezza in questo mondo che dio dolce ormai nn ha piu niente!!baci,imma

    RispondiElimina
  7. Sante parole, Lo.

    Non si reagisce ai soprusi...hai pienamnte ragione.

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  8. Quanto condivido queste parole...E non aggiungo altro.
    Il miso lo uso in abbondanza io, di mantecarco il risotto però non ci avevo pensato, brava!will do :)
    bacione

    RispondiElimina
  9. Come capisco le tue parole.. a me tante cose che vedo intorno mi fanno davvero vomitare!!!! Il tuo risotto invece è molto buono... baci .-)

    RispondiElimina
  10. riflessioni a grande ragione...:-)
    un bacio Lo^^

    RispondiElimina
  11. Hai perfettamente ragione, c'è da vomitare! Purtroppo però serve a poco ribellarsi, te lo dico per esperienza! Da sempre il mondo va come vuole, noi possiamo fare la differenza SOLO per noi stessi! Certo vedere additato ad eroe uno che fa semplicemente il suo dovere fa riflettere parecchio! Gli ignavi sono quelli che detesto di più in assoluto da sempre, ma mi spaventa molto di più scoprire che certe volte "penso con il sentire comune" allora sì che inorridisco! Questo mi fa assai più paura di ciò che c'è attorno! Bisogna vigilare, sempre ma più di tutto con noi stessi... credo! Un abbraccio e un sorriso di buona giornata!

    RispondiElimina
  12. Sì, dovremmo, ma poi? Questo tuo affiancare ricette e sentimenti è lodevole. A presto!

    RispondiElimina
  13. Grazie per essere passata, ho risposto anche da me...è bello vedere le vostre ricette...vorrei tanto potermi rimettere all'opera anch'io ma con tristezza non riesco a farmi tornare l'entusiasmo per i fornelli.
    un bacio*

    RispondiElimina
  14. ...hai ragione, ogni tanto fanno vomitare anche me, ma non il tuo risotto che è buonissimo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. bellissima Lo incavolata , hai ragione , dovremmo vomitare :L'ignavia è davvero teerribile.Ma io confido sempre nella linfa che scorre dentro gli alberi spogli ,che gli indifferenti non vedono ...ti abbraccio forte forte forte .

    RispondiElimina
  16. dovremmo dovremmo bella la citazione di dante mi è piaciuta molto, complimenti per il risotto

    RispondiElimina
  17. Dovremmo. Dovrei smettere di limitarmi a scandalizzarmi e iniziare a fare qualcosa di concreto. Dovrei fare la rivoluzione. Cat

    RispondiElimina
  18. Una vera e bella riflessione!
    Un enorme benvenuto a Teo, è un amore, bellissimo e tenero!
    Un grande abbraccio a te!
    Elena

    RispondiElimina
  19. Pregevole anteprima - del Sommo - a cui hai fatto seguire una triste realtà di fatti che purtroppo ci sono familiari...e che non dovrebbero esserlo, come affermi giustamente!

    Ciao, buon fine settimana...con un risotto così, che rallegra lo spirito e il palato.

    RispondiElimina
  20. complimenti un blog interessante mi sono aggiunta se ti va passa mi farebbe piacere

    RispondiElimina
  21. sono s'accordissimo con quello che scrivi cara Lo! un bacione e ottimo il risotto!

    RispondiElimina
  22. Lo, quando leggo le tue parole mai penso che siano banalità...
    Il miso lo conosco poco e non l'ho mai usato, forse con questa ricetta... mi piace l'idea!
    Silvia

    RispondiElimina
  23. complimenti un blog interessante mi sono aggiunta se ti va passa mi farebbe piacre

    RispondiElimina
  24. ottimo l'uso del miso, un gran bel risotto ocn questo freddo scalda bene, dovremmo si, ahimè le cose non vanno mai come dovrebbero andare

    RispondiElimina
  25. eh già.... quante cose ch fanno stare male di stomaco... non certo il tuo risotto, sono molto temtata con il misio, sai che io ci metto un pò... e poi arrivo... Baci

    RispondiElimina
  26. ci sono amò...o perlomeno cerco di esserci...ma quando vengo qui da te e ... tu ci sei sempre...mi vien voglia di esserci di più...dovrei averti più vicina...dovremmo essere più vicine...io ti penso sempre...
    ti abbraccio forte forte forte
    la tua sempre dida

    RispondiElimina
  27. Abbiamo fatto quasi lo stesso risotto :)

    Bel post con pensieri del tutto condivisibili.

    RispondiElimina
  28. Un abbraccio a tutti, a tutti quelli che sanno che dovremmo, a chi ha capito che la rivoluzione sta in ogni nostro passo e non fatto di altri. E? fatto nostro, è roba nostra e basta farla con poco, con forza, con chiarezza.
    Perchè poi se cambio con il mio vicino, con chi mi passa accanto allora cambia, cambia tutto.
    Dovremmo gestire e non farci gestire, dovremmo decidere
    un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  29. semplice ma ottimo! a presto

    RispondiElimina