mercoledì 18 marzo 2009

In ascolto del mio ritmo

Qualcosa suona poco armonico, qualcosa suona distorto.
La forte dissonanza che percepisco stride forte. Fuori c'è un tale correre che ti senti perdere, nel vortice e nel risucchio dimentichi di te.
Ma è innata e forte l'esigenza di fermarsi ed ascoltarsi.
E nel momento in cui blocco tutto, quando mi fermo per gridare un silenzio che comincia tutto.
La tazza di the in mano, lo sguardo che passa oltre la finestra, l'attenzione alle minuscole meraviglie che mi circondano, osservare la natura con tutti i miei sensi e finalmente si sente di nuovo il suono.
Il suono del mio respiro, il suono del mio battito:li ascolto uno alla volta, dal principio alla fine, li seguo, mi trovo, mi sento.
E piano la spirale cambia il suo vortice accentratore e quel fuori che assorbiva l'interno diventa un intimo che pulsa nel fuori e tutto si muove, nella mia personale magica danza.

---------------------

Ancora movimento, ancora corpo. Al corso di educazione teatrale abbiamo esplorato ancora un po' quello che il nostro corpo riesce fare se si misura una giusta dose di libertà e controllo. Abbiamo lavorato con la musica, ma non per subirla, ma per esserne protagonisti. Conoscete il potere della musica? Quello per cui appena si accenna un motivo il nostro corpo accenna dei movimenti e sembra a ballare? Quanto c'è di libero in questo muoversi, quanto c'è di stereotipato? E sono io a scegliere o la musica sceglie me?
Consapevolezza.
Decisione.
Scelta.
Divisi in due gruppi, abbiamo accumulato una serie di movimenti: parte il primo sceglie un gesto, il secondo ne aggiunge un altro e così via fino al quarto. Si fanno due giri di giostra, proviamo per rendere il movimento pulito e tutto diventa armonico, anche quel gesto che da solo ci sembra sciocco e irriverente.
Poi Giampaolo ci fa ascoltare una musica...lenta e morbida, che ci trasforma in principi e principesse del castello che ballano in quadriglia. Su questa musica dobbiamo adottare la nostra serie di gesti, amplificandoli, sottolineandoli, variandoli, ma usando solo quelli.
Poi arriva un ritmo più veloce e ben cadenzato, un'allegra marcetta e diventiamo bambini in divisa che sberleffano i comandi. Infine un qualcosa tipo ska...che parte pianissimo per poi correre veloce ...e via altro giro di danza.
Ci credete nella bellezza di quello che abbiamo fatto? E di quello che abbiamo sentito?


INSALATA DI ENERGIA

spinaci freschi
1 rapa rossa
2 cipollotti
semi di girasole
olio extravergine d'oliva spremuta a freddo
sale marino integrale

Lavare e strizzare gli spinaci, sbucciare la rapa e tagliarla a julienne, affettare i cipollotti. Tostare in una padella i semi di girasole. Mischiare le verdure, aggiungere i semi e condire a proprio gusto.

Altre insalate del pollaio:
INSALATA DI SEDANO RAPA E ARANCE
INSALATA DI SEDANO RAPA E SESAMO
PAN DI ZUCCHERO E KIWI


AGGIORNAMENTO DEL 13\042014: questa ricetta partecipa a Salutiamoci ospitato da Annalisa di Passato tra le mani


Partecipo con questa insalata alal raccolta di Susina

35 commenti:

  1. Ciao! anche io da quando ho ripreso il contatto della vita di tutti i giorni mi sto accorgendo di cose che non avevo mai visto...e soprattutto le persone parlano in maniera strana a volte di cose proprio inutili che non capisco...eppure prima le capivo! boh! baci

    RispondiElimina
  2. buoni gli spinaci freschi in insalata... yummm!... ma, dì un po', aspiri a diventare il nuovo Braccio di Ferro? :-D

    RispondiElimina
  3. Uh...uh...è la rapa rossa che con me non va molto d'accordo...ehm....
    ma è un'insalata coloratissima e tanto salutare!
    baci!!!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Lo cara!
    Corso di educazione teatrale? Ma ogni volta che vengo da te mi stupisci!

    Bello, bello e ancora Bello questo corso...
    ...e certo che ci credo in quello che hai sentito,una appassionata come me della musica!

    ...e lo sai che anch'io una volta ho partecipato a un simile corso, non era teatrale però, ma un assaggio di ginnastica se non sbaglio (non mi ricordo più il nome) un libero sfogo di urla, suoni, balli, movimenti armonici del corpo e delle braccia...un susseguirsi di sensazioni e vibrazioni calde e libere. Un esplosione di libertà ecco :-D

    Ti capisco anche pper il resto :)

    Insalata colorata e originale1

    bacio

    RispondiElimina
  5. ah Lollina..t'immagino al tuo corso mentre ti lasci andare e respiri energia....ti abbraccio forte...letiziettuccia che avrebbe proprio bisogno di una "scrollatina"!

    RispondiElimina
  6. Da quant'è che non mangio la rapa rossa non lo ricordo, ma mi piace moltissimo, specie in insalata... abbinata poi agli spinacini freschi e teneri deve essere molto buona :)

    RispondiElimina
  7. cara Lo ...ecco..che dire , ho letto ed ho sorriso nel vedere come mi somigli, mi chiedo spesso dove le donne cerchino la forza e tutto forse è proprio nell'amore delle piccole cose .ti abbraccio mentre vi vedo ballare e lasciare che il suono dentro diventi musica fuori..

    RispondiElimina
  8. Lo, che bello il tuo post... danzare... seguire il ritmo del respiro... ascoltare se stessi i propri bisogni... chissà quanti lo sanno ancora fare. Anche noi tra i vari corsi di ballo che ho fatto ce n' era uno che era per bambini ma molto divertente dove il capofila faceva un salto ed a turno tutti gli altri dovevano inventarne uno.... che risate si ritornava un po' bambini e ci si divertiva un sacco!!!!buona giornata

    RispondiElimina
  9. Cucci cucciiiiiiiiiiiiiiii, sono tornataaaaaaaaaaaaaa...
    Passa da me c'è un memuccio...

    RispondiElimina
  10. ma che buonaaaaaaaaa! io adoro le rape rosse... la faccio di sicuro!

    RispondiElimina
  11. Ci credo eccome e ti invidio per questa tua esperienza! Un bacione

    RispondiElimina
  12. Arancionissima prorpio così tanti blablabla...non è bello rendersene conto?

    Cri,,,,Braccio di Ferro yeahhhhhhhhhhh pepèèèèèèèèè

    Simo ma l'hao provata cruda...è tutta un'altra cosa! ;)

    Carla si è bellissimo e intenso sono felice di avere iniziato!
    So che mi capisci un bacione

    Letyy forsa forza scrollata che succede??

    Camomilla è buonissima, è una delle verdure crude pià amate dalla gnoma :)

    Caty che gioia essere simile a te...si nella gioia delle piccole cose...come un passo dopo l'altro per andare in biblioteca...un bacione

    Rosy grazie...io mi chiedo quanti riconoscano questo bisogno...

    OlèèèèèèèèèèèèPagnotellaaaaaaaaaaaaa

    Che bello Maya!

    Elga :)

    RispondiElimina
  13. Nella musica come nella danza non c'è niente di stereotipato,ognuno di noi la percepisce "personalmente" e la segue liberamente esprimendo il proprio sentire.
    SE i movimenti vengono controllati (e imparati),è solo per dare un'armonicità al tutto!

    Ciao Lo,è sempre un piacere leggerti.Buona serata!

    RispondiElimina
  14. Deliziosa l'insalata, ogni tanto un piatto così ci vuole, noi almeno un giorno a settimana stiamo leggeri e si va di insalata, ovviamente ricca e fantasiosa!
    Noi che scegliamo la musica o la musica che sceglie noi? Personalmente penso che ognuno di noi si circonda di ciò che gli somiglia, di ciò che sente appartenergli. Può essere un atto consapevole e quindi essere sentita come scelta, oppure può essere un atto inconscio ed allora ci domandiamo se siamo noi a scegliere o ad essere scelti. E' solo la mia discutibile opinione. Mi piace tanto quando racconti del tuo percorso nell'ambito del corso teatrale, è un bel modo per conoscersi meglio, cosa che non si finisce mai di fare e mi viene da dire, per fortuna!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  15. Cara Lo,
    Io penso che dovremmo chiudere gli occhi e non farci distrarre dai gesti che ormai diventano automatici ogni giorno. Se per un momento ci fermiamo ad ascoltare 'davvero' ci trasformiamo in 'spugne' pronte ad assorbire quanto ci circonda. E farci attraversare dalla musica, dalla bellezza, e galleggiare in queste sensazioni, ci riporta a quello che siamo veramente. Ci riporta a noi.
    Che bello il tuo corso....

    RispondiElimina
  16. ci credo sì!E' incredibile come spesso siamo un po' automi, incastrati nei ritmi serrati quotidiani e dalle abitudini...questo corso è un toccasana per ritrovare contatto e percezione di sè!
    Bacioni Lo!
    Buonissima giornata

    RispondiElimina
  17. Certo che è troppo bello seguire un corso teatrale....
    L'insalatina mi fa già pensare all'estate.. anche se oggi il cielo è grigio :-(.. baci baci

    RispondiElimina
  18. Il tuo corso mi piace sempre di più! Lo, continua a raccontare...
    ^_^
    Silvia

    RispondiElimina
  19. Ciao! un'insalata davvero coloratissima!!
    bacioni

    RispondiElimina
  20. Quando leggo del tuo corso mi incanto: come ti ho già detto, non farebbe per me, ma stimo molto le persone che riescono ad esprimere con scioltezza la propria fisicità!

    RispondiElimina
  21. che buona questa insalata!!! mi piace variare, questa mi mancava! bacii

    RispondiElimina
  22. percepire la musica e decidere come agirla...in modo consapevole...che meraviglia Sirio!

    Sabrina Luca....sono daccordo su questo approccio alal musica...e dovrebeb essere così a tutti i livelli anche quando ascolto la musci a enon mi faccio agire muovendomi d'isitno, ma decidendo come muovermi sopra...
    un abbraccio

    Anna eh si quanto siamo distratti, sbadati, poco attenti e quanto perdiamo in questo fiume

    saretta hai detto giusto un toccasana, un'isola felcie...un bacione

    Claudia si si l'inslaitna era fresca per lavare via ;)

    Grazie Silvia

    Grazie Manu e Silvia

    Onde...che si parli di scioltezza con me è umoristico ...eheh però è bello

    Grazie micaela!

    RispondiElimina
  23. grazie gallinella!!! una domanda... ma la mucca?????

    RispondiElimina
  24. Lo :-) che bello il percorso che stai facendo :-) Mi piace tanto.. e mi piace avere la consapevolezza che ciascuno di noi possa seguire il proprio, che a volte è quasi tribale ( almeno nel mio caso), ed altre invece è rilassato/ rilassante come un' alga che vien leggermente smossa dal mare..
    Ti abbraccissimo con tutta la forza ( non molta, ma nel pensiero sì) che ho :-)
    PS: bella, l' insalata!

    RispondiElimina
  25. Mi piace la rapa rossa, mi piace, mi piace! Ne mangio un sacco!!! Insalata super! Super anche l'esercizio di movimento che vi hanno fatto fare al corso, sembrava una lezione di danza contemporanea, bellissima!

    RispondiElimina
  26. non mi piace la rapa rossa ma gli spinaci freschi in insalata li adoro:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  27. chissà che bello il corso di educazione teatrale..wow!!
    Quanto mi sono rivista nelle tue parole..Oddio!!non sai quanto..
    Ti abbraccio forte e dò una forchettata all'insalata
    ;))

    RispondiElimina
  28. Ci credo eccome!! Sono un pò invidiosa, vorrei provarlo anch'io, peccato che dallle parti mie mom c'è niente del genere..
    Barbabietola mangerei tutti i giorni, infatti, anche oggi a pranzo mi son fatta un insalata rossa!
    Baci!

    RispondiElimina
  29. ci credo perchè il modooin cui ne hai parlato è già bellissimo e mi ha messo i brividi....

    RispondiElimina
  30. ciao tesoro non capisco come mai non sei più tra i miei preferiti!!! co sto blog non ci capisco più nulla, non ho più nenache pamy. luca and sabrina, nino, tu mah!!! help me!!!

    RispondiElimina
  31. Tutto lentamente lo, finchè è possibile...

    RispondiElimina
  32. chissà se lo facessi a scuola....e chi li ferma poi...però sarebbe sicuramente interessante....baci!

    RispondiElimina
  33. Be che dire!! bel post!!
    L'insalatina gustosissima Ciao

    RispondiElimina
  34. Susina...grazie a te...la mucca c'è, sta bene è impegnata...l'ho beccata di corsa su fb...ma c'è! :)

    Elle tesorina meravigliosa...a volte per capire non è necessario fare un corso...tu sei di una consapevolezza profonda un bacione :)

    Babi...w la rapa rossa...la mangi cruda anche te?

    Anna ma parli di quella cruda? che è completamente diversa dalla barbabietola cotta nella plastica...un bacione

    Elisa ...che bello questo rivedersi nello specchio grazie un abbraccio

    Rossa ...sarà che ai rossi piace la rapa rossa? perchè anche la mia gnoma ne è golosissima...un bacione

    Cibou...davvero? che emozione...grazie

    Manu..a. volte blogger siincasina...ma tu sei nei miei preferiti nel mio cuore...stai tranquilla :)

    Stella lentamente e meravigliosamente...

    Marta due amiche di scuola l'hanno fatto a scuola, è andata bene...bisogna forse iniziare con una sorta di rilassamento che placa gli animi...ma secondo me funziona..e rigorosa sui tempi...non ar epiù di 10 minuti per prova! un bacione

    Grazie Sorby

    RispondiElimina
  35. Ecco, questo è il tipo di piatto che mi appaga per ore nel corpo e nell'animo. Sulla musica, condivido. Vezio Ruggeri diceva che se tutti ascoltassimo davvero, con il nostro intero corpo, i concerti sarebbero gremiti di persone in lacrime :-D

    RispondiElimina